Come trattare la pelle in caso di contatto con una medusa

medusa
medusa

Le meduse sono animali pluricellari, che vivono nel mare, hanno corpo molle e per muoversi vengono trasportati dalle correnti marine sono provvisti di tentacoli, attorno alla campana, usate per difendersi dagli attacchi dei predatori, o per cacciare e nutrirsi.
Sui tentacoli ci sono tante piccoli cellule urticanti chiamate nematocisti che liberano del veleno, e possono essere molto dolorosi se vengono a contatto con la pelle, anche se si distaccano dalla medusa, i tentacoli continuano a immettere veleno nel corpo del malcapitato, della preda o dell’agressore.

Cosa provoca il veleno urticante della Medusa?


Il veleno urticante delle Meduse è molto doloroso, provoca piccole vesciche sulla pelle che si arrossa, e il dolore può andare da un semplice bruciore o dalla sensazione di un colpo di frusta, dopo 10/12 minuti si avverte un forte prurito su tutto il corpo specialmente se la parte colpita della pelle è molto estesa.
La medusa più pericolosa la Vespa di Mare uccide un uomo nel raggio di 10 minuti da quando si è venuti a contatto con i suoi tentacoli.


Cosa Fare e non fare in caso di contatto con una Medusa


Se siete in mare, e sentite un dolore lancinante e siete venuti a contatto con la Medusa la prima cosa da fare è uscire dal mare, verificare se ci sono tentacoli sulla propria pelle e staccarli molto delicatamente.
Per dare un sollievo alla zona colpita si può usare una crema gel a base di cloruro di Alluminio che è astringente,e subito agisce sul veleno, si possono anche usare creme a base di cortisone ma la loro azione avviene dopo 20-30 minuti dalla loro applicazione.
Evitare le leggende metropolitane, come utilizzare aceto, limone o urina possono solo aggravare la situazione e avere altri effetti. Se ci sono complicanze come affanno o altro chiamare rivolgersi ad una guardi medica per una cura più specifica.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *