Dieta Paleo o dieta del “cavernicolo”

 

La Dieta Paleo è un nuovo regime alimentare chiamato anche la “dieta del cavernicolo”, basato sulle presunte abitudini alimentari degli antenati cacciatori-raccoglitori dell’era paleolitica.

Questo regime alimentare è stato ideato da Loren Cordain, nutrizionista dell’Università del Colorado appassionato di alimentazione dell’era paleolitica.

La dieta Paleo è basata principalmente sul consumo di proteine e pochi carboidrati a cui è necessario abbinare regolare attività fisica come facevo i nostri antenati, che di certo non erano dei sedentari, in quanto si procuravano il cibo con fatica e movimento.

Cibi consigliati e sconsigliati nella dieta Paleo

La dieta come abbiamo visto prevede il consumo dei soli cibi presenti nell’era paleolitica e identificati in:

Cibi previsti nella dieta

  • carne
  • pesce
  • crostacei e molluschi
  • frutta e verdura di stagione
  • semi oleosi
  • bacche
  • radici
  • erbe selvatiche
  • riso
  • uova
  • miele

Cibi sconsigliati

  • cereali
  • latte e derivati
  • sale
  • zucchero raffinato
  • olio
  • legumi
  • cibi trattati o confezionati
  • birra
  • bibite e succhi di frutta

dieta paleo a base di carne

Benefici della dieta Paleo

Sembrerebbe che questo regime alimentare se seguito a lungo termine aiuti a perdere peso oltre che a ridurre il rischio di diabete, malattie cardiache, cancro e altri problemi di salute.

Uno studio condotto nel Karolinska Institute di Stoccolma e pubblicato su European Journal of Clinical Nutrition, ha indicato che potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiache.

Gli studi sulla dieta Paleo sono ancora da approfondire per affermare se questo regime alimentare sia più efficace di altri basati sempre su un regime ipocalorico.

Controindicazioni

Escludendo l’uso di alcuni gruppi alimentari fondamentali si possono verificare carenze nutrizionali a meno che non si assumano grandi quantità di integratori alimentari di qualità.

La dieta Paleo inoltre ha poca varietà di cibi quindi il rischio di annoiarsi e rinunciare è facile, non è adatta ai vegetariani visto il gran consumo di proteine animali come la carne.

Infine la dieta Paleo è di tipo iperproteico, pertanto se seguita per un lungo periodo potrebbe dare problemi per la salute per vie degli effetti dannosi su reni e fegato. Questi organi  si trovano a lavorare molto per smaltire le sostante derivanti dalle proteine animali e in particolare l’acido urico. Va evitata sicuramente quindi da chi già soffre di problemi a reni e fegato.

Possono verificarsi anche disturbi dell’umore, aumento di colesterolo e trigliceridi e comparire mal di testa.

Insomma gli effetti positivi pare ci siano, ma quelli collaterali sono altrettanto pertanto prima di iniziare questo tipo di regime alimentare consultate il vostro medico curante o uno specialista in nutrizione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *