Grani antichi: vantaggi e dove trovarli

Ricavati dagli stessi chicchi che si mangiano quotidianamente, la riscoperta dei grani antichi sono una delle tendenze nutrizionali dell’ultimo periodo per una serie di buone ragioni!

Essi, infatti, si presentano in tutti i tipi di prodotti alimentari e vantano numerosi benefici per la salute. Tra questi ricordiamo in particolare il più noto e diffuso canadese Kamut, il Senatore Cappelli, il Saragolla, la Tumminia, il Grano Monococco, il Gentil Rosso, la Verna, il Rieti, e tanti altri, a seconda del luogo e dal tipo di produzione.

Tra le buone ragioni per cui bisognerebbe assumerli più spesso, troviamo:

  1. Nessuna trasformazione industriale: i grani antichi non fanno parte della cosiddetta categoria degli alimenti OGM, quindi, non subiscono alcuna trasformazione e  hanno una resa molto minore rispetto al più diffuso e moderno grano, tanto da essere più salutari e genuini.
  2. Minima raffinazione: le proprietà nutrizionali presenti nei grani antichi rimangono intatte e non vengono intaccate dai moderni sistemi di raffinazione; infatti, vengono lavorati con la vecchia macinatura a pietra che li rende molto più sani e gustosi.
  3. Contenuto minimo di glutine: contengono un livello di amido e di glutine molto equilibrato, tanto che sono facilmente digeribili e alcuni possono essere assunti anche da chi soffre di forme meno gravi celiachia.
  4. Meno calorici e ad alta digeribilità: grazie ai bassi livelli di glutine contenuti, i grani antichi risultano molto più digeribili e adatti a chi segue dei regimi ipocalorici.
  5. Ottimi contro le intolleranze: uno tra i vantaggi più positivi dell’assunzione di grani antichi è la bassa possibilità di sviluppare un’ipersensibilità al glutine; infatti, l’uso spropositato di alimenti derivanti dal grano moderno e raffinato, può essere una delle cause principali della sempre più crescente Gluten Sensivity, ovvero, la celichia.
  6. Ottima qualità e pregiatezza: derivanti da piccole produzioni agricole, sono Bio al 100%, ciò significa che sono di ottima qualità e mantengono un sapore ed una pregiatezza, unici nel loro genere.
  7. Prodotti a km 0: esattamente come per il punto precedente, i grani antichi derivano da piccole produzioni locali, per cui la scelta della cosiddetta filiera corta è utile per essere in grado di sapere con certezza la provenienza del prodotto.
  8. Tutelano la biodiversità: purtroppo, i costi di produzione di questi grani sono molto elevati perciò questi prodotti rischiano quasi l’estinzione; acquistarli significherebbe tutelarne l’integrità e la biodiversità.
  9. Aiutano la piccola produzione: i grani antichi derivano da piccole produzioni locali, per cui, la loro diffusione commerciale aiuterebbe senz’altro ad abbattere la concorrenza su larga scala.
  10. Offrono un grande valore storico e culturale: questi prodotti tutelano un grande patrimonio storico e culturale dato dalle colture e dai metodi di coltivazione di popolazioni molto antiche.
  11. Dove trovarli

E’ possibile reperire questi prodotti sani e gustosi da rivenditori specializzati, piccoli commercianti, negozi Bio e, in particolar modo, su piccoli e grandi e-commerce presenti sul web.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *